Via del Correggio 22

63074-San Benedetto Del Tronto (AP)

Lun-Ven 9:30 - 13:00 , 16:30 - 19:30

Sabato:CHIUSO , Domenica:CHIUSO

News FB

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

Va assicurato il diritto fondamentale dell’imputato detenuto “alla partecipazione al suo procedimento”

La Corte di Cassazione, Sez.2, con sentenza n.48054 del 2022, si è pronunciata accogliendo il ricorso ex art. 311 cpp dell’imputata detenuta, avverso l’ordinanza del Tribunale di Ancona, sez. riesame e appello. Il Tribunale di Macerata, giudice del procedimento penale nel quale era stata applicata alla detenuta la misura cautelare della custodia in carcere, aveva rigettato l’istanza di revoca proposta dal difensore avv.Ceneri, che aveva quindi impugnato l’ordinanza avanti il Tribunale di Ancona in sede di appello.
Il difensore nel primo motivo di ricorso lamentava vizio della motivazione nonché violazione di legge in relazione all’articolo 127 comma 35 cpp, agli articoli 24 e 111 comma 1 della Costituzione, oltre con riferimento all’articolo 127 comma cinque cpp, per non avere il Tribunale accertato l’esecuzione del disposto “𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑝𝑒𝑙𝑙𝑜, 𝑑𝑎 𝑣𝑒𝑟𝑏𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 𝑓𝑜𝑟𝑚𝑎𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒, 𝑖𝑛 𝑜𝑟𝑑𝑖𝑛𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑜𝑛𝑡𝑎̀ 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 ***, 𝑑𝑒𝑡𝑒𝑛𝑢𝑡𝑎, 𝑑𝑖 𝑝𝑎𝑟𝑡𝑒𝑐𝑖𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑜 𝑚𝑒𝑛𝑜 , 𝑝𝑒𝑟 𝑟𝑒𝑛𝑑𝑒𝑟𝑒 𝑑𝑖𝑐ℎ𝑖𝑎𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖”.
Il Tribunale di Ancona aveva motivato il rigetto dell’appello invocando l’indirizzo giurisprudenziale della Cassazione, Sez.unite n. 11803/20, deducendo, sulla richiesta di verifica dell’adempimento dell’interpello, tempestivamente formulata dalla difesa: “𝑣𝑎 𝑟𝑖𝑙𝑒𝑣𝑎𝑡𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑎 𝑠𝑡𝑒𝑠𝑠𝑎 𝑛𝑜𝑛 ℎ𝑎 𝑒𝑠𝑝𝑟𝑒𝑠𝑠𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑐ℎ𝑖𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑠𝑒𝑛𝑡𝑖𝑡𝑎 𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑢𝑛𝑞𝑢𝑒 𝑓𝑎𝑡𝑡𝑜 𝑣𝑎𝑙𝑒𝑟𝑒 𝑐𝑜𝑛 𝑎𝑝𝑝𝑜𝑠𝑖𝑡𝑎 𝑖𝑠𝑡𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑙𝑎 𝑟𝑖𝑐ℎ𝑖𝑒𝑠𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑎𝑟𝑖𝑟𝑒 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑎𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑠𝑣𝑖𝑙𝑢𝑝𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑚𝑜𝑡𝑖𝑣𝑖 𝑑𝑖 𝑑𝑖𝑓𝑒𝑠𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑎𝑙𝑖”. La Corte, nella decisione resa nel caso di specie, censura l’operato del Tribunale di Ancona perché ha affermato “𝑎𝑝𝑜𝑑𝑖𝑡𝑡𝑖𝑐𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒, 𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑎 *** 𝑛𝑜𝑛 ℎ𝑎 𝑖𝑛𝑜𝑙𝑡𝑟𝑎𝑡𝑜 𝑟𝑖𝑐ℎ𝑖𝑒𝑠𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑟𝑒, 𝑚𝑒𝑛𝑡𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑑𝑜𝑚𝑎𝑛𝑑𝑎 𝑑𝑎 𝑝𝑜𝑟𝑠𝑖 𝑒𝑟𝑎 𝑠𝑒 𝑒𝑓𝑓𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑙𝑎 𝑟𝑖𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑓𝑜𝑠𝑠𝑒 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑎 𝑎𝑣𝑣𝑖𝑠𝑎𝑡𝑎 𝑎𝑙 𝑓𝑖𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑒𝑣𝑒𝑛𝑡𝑢𝑎𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑟𝑖𝑐ℎ𝑖𝑒𝑑𝑒𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝑝𝑎𝑟𝑡𝑒𝑐𝑖𝑝𝑎𝑟𝑒”. La Cassazione quindi, rilevando la mancata acquisizione agli atti del verbale di interpello, ha annullato l’ordinanza impugnata accogliendo il primo motivo di ricorso, ritenuto assorbente rispetto agli altri proposti e ha rinviato per nuovo giudizio al Tribunale competente.

#studiolegalecenerig
... Leggi di piùLeggi di meno

Va assicurato il diritto fondamentale dell’imputato detenuto “alla partecipazione al suo procedimento” 

La Corte di Cassazione, Sez.2, con sentenza n.48054 del 2022, si è pronunciata accogliendo il ricorso ex art. 311 cpp dell’imputata  detenuta, avverso l’ordinanza del Tribunale di Ancona, sez. riesame e appello. Il Tribunale di Macerata, giudice del procedimento penale nel quale era stata applicata alla detenuta la misura cautelare della custodia in carcere, aveva rigettato l’istanza di revoca proposta dal difensore avv.Ceneri, che aveva quindi impugnato l’ordinanza avanti il Tribunale di Ancona in sede di appello.
Il difensore nel primo motivo di ricorso lamentava vizio della motivazione nonché violazione di legge in relazione all’articolo 127 comma 35 cpp, agli articoli 24 e 111 comma 1 della Costituzione, oltre con riferimento all’articolo 127 comma cinque cpp, per non avere il Tribunale accertato l’esecuzione del disposto “𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑝𝑒𝑙𝑙𝑜, 𝑑𝑎 𝑣𝑒𝑟𝑏𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 𝑓𝑜𝑟𝑚𝑎𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒, 𝑖𝑛 𝑜𝑟𝑑𝑖𝑛𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑜𝑛𝑡𝑎̀ 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 ***, 𝑑𝑒𝑡𝑒𝑛𝑢𝑡𝑎, 𝑑𝑖 𝑝𝑎𝑟𝑡𝑒𝑐𝑖𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑜 𝑚𝑒𝑛𝑜 , 𝑝𝑒𝑟 𝑟𝑒𝑛𝑑𝑒𝑟𝑒 𝑑𝑖𝑐ℎ𝑖𝑎𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖”.
Il Tribunale di Ancona aveva motivato il rigetto dell’appello invocando l’indirizzo giurisprudenziale della Cassazione, Sez.unite  n. 11803/20,  deducendo, sulla richiesta di verifica dell’adempimento dell’interpello, tempestivamente formulata dalla difesa: “𝑣𝑎 𝑟𝑖𝑙𝑒𝑣𝑎𝑡𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑎 𝑠𝑡𝑒𝑠𝑠𝑎 𝑛𝑜𝑛 ℎ𝑎 𝑒𝑠𝑝𝑟𝑒𝑠𝑠𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑐ℎ𝑖𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑑𝑖 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑠𝑒𝑛𝑡𝑖𝑡𝑎 𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑢𝑛𝑞𝑢𝑒 𝑓𝑎𝑡𝑡𝑜 𝑣𝑎𝑙𝑒𝑟𝑒 𝑐𝑜𝑛 𝑎𝑝𝑝𝑜𝑠𝑖𝑡𝑎 𝑖𝑠𝑡𝑎𝑛𝑧𝑎 𝑙𝑎 𝑟𝑖𝑐ℎ𝑖𝑒𝑠𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑎𝑟𝑖𝑟𝑒 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑎𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑠𝑣𝑖𝑙𝑢𝑝𝑝𝑎𝑟𝑒 𝑚𝑜𝑡𝑖𝑣𝑖 𝑑𝑖 𝑑𝑖𝑓𝑒𝑠𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛𝑎𝑙𝑖”. La Corte,  nella decisione resa nel caso di specie, censura l’operato del Tribunale di Ancona perché ha affermato “𝑎𝑝𝑜𝑑𝑖𝑡𝑡𝑖𝑐𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒, 𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑎 *** 𝑛𝑜𝑛 ℎ𝑎 𝑖𝑛𝑜𝑙𝑡𝑟𝑎𝑡𝑜 𝑟𝑖𝑐ℎ𝑖𝑒𝑠𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑧𝑖𝑎𝑟𝑒, 𝑚𝑒𝑛𝑡𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑑𝑜𝑚𝑎𝑛𝑑𝑎 𝑑𝑎 𝑝𝑜𝑟𝑠𝑖 𝑒𝑟𝑎 𝑠𝑒 𝑒𝑓𝑓𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑙𝑎 𝑟𝑖𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑓𝑜𝑠𝑠𝑒 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑎 𝑎𝑣𝑣𝑖𝑠𝑎𝑡𝑎 𝑎𝑙 𝑓𝑖𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑒𝑣𝑒𝑛𝑡𝑢𝑎𝑙𝑚𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑟𝑖𝑐ℎ𝑖𝑒𝑑𝑒𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝑝𝑎𝑟𝑡𝑒𝑐𝑖𝑝𝑎𝑟𝑒”. La Cassazione quindi, rilevando la mancata acquisizione agli atti del verbale di interpello, ha annullato l’ordinanza impugnata accogliendo il primo motivo di ricorso, ritenuto assorbente rispetto agli altri proposti e ha rinviato per nuovo giudizio al Tribunale competente.

#studiolegalecenerig

Siamo tornati al lavoro e c'è anche Ugo con noi 😃
Lo Studio Legale, dopo la breve pausa nel mese di agosto, riprende le sue attività negli orari consueti. È possibile prenotare un appuntamento in presenza telefonando allo 0735 781716 ovvero al cellulare 3939921112 anche whatsapp.
#studiolegalecenerig #avvocati #vacanzefinite
... Leggi di piùLeggi di meno

Siamo tornati al lavoro e cè anche Ugo con noi 😃
Lo Studio Legale, dopo la breve pausa nel mese di agosto, riprende le sue attività negli orari consueti. È possibile prenotare un appuntamento in presenza telefonando allo 0735 781716 ovvero al  cellulare 3939921112 anche whatsapp.
 #studiolegalecenerig #avvocati #vacanzefinite
Carica altro
Share This
Call Now Button