Via del Correggio 22

63074-San Benedetto Del Tronto (AP)

Lun-Ven 9:30 - 13:00 , 16:30 - 19:30

Sabato:CHIUSO , Domenica:CHIUSO

News

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

𝗦𝗲𝗽𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗱𝗮 𝗖𝗢𝗩𝗜𝗗𝟭𝟵 - 𝗶 𝗰𝗼𝗻𝘀𝗶𝗴𝗹𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝘃𝘃𝗼𝗰𝗮𝘁𝗼

E’ iniziata la “Fase 2”: si torna al lavoro e, dopo i congiunti, si incontrano gli amici. Termina la convivenza forzata h24, che ha messo a dura prova le relazioni familiari e soprattutto i rapporti di coppia, dando una spallata a quelle che erano in crisi già da prima dell’inizio della pandemia o mettendo a nudo le problematiche relazionali latenti. Se si arrivasse ora alla consapevolezza dell’irrimediabilità della crisi e dell’insostenibilità della convivenza, il consiglio è di rivolgersi ad un avvocato che sia esperto della materia, che abbia una formazione interdisciplinare, che sappia negoziare per concludere un accordo soddisfacente nell'interesse, soprattutto, dei figli minori coinvolti, i più esposti alle conseguenze negative di una separazione conflittuale dei loro genitori, che siano sposati o no.

Gli avvocati non hanno tutti la medesima formazione o esperienza, bisogna cercare quello giusto. E nel frattempo che fare? Occorre riflettere sul fatto che litigare aspramente davanti ai figli, offendersi, o ancora peggio, usare la violenza , verbale e fisica, per “avere ragione”, trasmette loro un modello distorto di amore, li educa a ripetere gli stessi comportamenti, ad assimilare un modo sbagliato di agire, a cercare in futuro l’infelicità nel rapporto amoroso, da vittima o da carnefice. Li costringe, nei casi più gravi, a subire la violenza assistita, della quale porteranno i segni per sempre. Alcuni genitori faranno finta di niente, sperando che, tornando alla normalità della giornata lavorativa passata fuori casa, limitando i contatti con il partner al minimo, le situazioni si risolvano da sole. Magari consolandosi per qualche ora tra le braccia di un altro/a, per sopportare di ritornare la sera nell'infelicità di casa propria. Tutto questo non preserva i figli dalla sofferenza di vivere in un contesto , quando va bene, di non amore.

Esistono professionisti della crisi di coppia, psicologi specializzati in percorsi che aiutano a far emergere le reali problematiche, nascoste dietro ai comportamenti sbagliati ed anche, in qualche caso, a risolverle. Soprattutto quando il rapporto è di lunga durata e ci sono figli, la famiglia è un “patrimonio “ da salvaguardare e quindi il consiglio è di provarci, prima di decidere per la separazione .
Siamo fatti per essere felici, non per soffrire... anche se

” 𝐿𝑎 𝑓𝑒𝑙𝑖𝑐𝑖𝑡𝑎̀ 𝑛𝑜𝑛 𝑑𝑖𝑝𝑒𝑛𝑑𝑒 𝑑𝑎𝑔𝑙𝑖 𝑎𝑣𝑣𝑒𝑛𝑖𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑒𝑠𝑡𝑒𝑟𝑛𝑖, 𝑚𝑎 𝑑𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑚𝑎𝑛𝑖𝑒𝑟𝑎 𝑖𝑛 𝑐𝑢𝑖 𝑙𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑖𝑎𝑚𝑜: 𝑢𝑛 𝑢𝑜𝑚𝑜 𝑎𝑏𝑖𝑡𝑢𝑎𝑡𝑜 𝑎 𝑠𝑜𝑝𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑖𝑙 𝑑𝑜𝑙𝑜𝑟𝑒, 𝑛𝑜𝑛 𝑝𝑢𝑜̀ 𝑛𝑜𝑛 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑓𝑒𝑙𝑖𝑐𝑒” diceva Lev Tolstoj.

Per molti il “Basta, ci separiamo! “ però, purtroppo, diventa : “ Domani vado dall'avvocato e vedrai”. Una vera e propria dichiarazione di guerra e allora ... “Voglio il più cattivo, il più spietato, per fargliela pagare, perché mi ha fatto soffrire”. “Faro’ solo quello che deciderà il giudice e se non mi sta bene, farò ricorso”. Cause su cause e nel mezzo, tanta sofferenza, degli adulti e soprattutto dei bambini. Il conflitto si evolve, diventa giudiziario, coinvolge le famiglie di origine, entrano in campo assistenti sociali, CTU, CTP e chi ne ha, più ne metta. Senza scampo, anni e anni e soldi, tanti soldi per le spese legali. Dunque ci sono modi e modi di separarsi, ma si può scegliere. Pensateci bene. Ve lo dice un avvocato #studiolegalecenerig
... Leggi di piùLeggi di meno

𝗦𝗲𝗽𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗱𝗮 𝗖𝗢𝗩𝗜𝗗𝟭𝟵 - 𝗶 𝗰𝗼𝗻𝘀𝗶𝗴𝗹𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝘃𝘃𝗼𝗰𝗮𝘁𝗼  

E’ iniziata la “Fase 2”: si torna al lavoro e, dopo i congiunti, si incontrano gli amici. Termina la convivenza forzata h24, che ha messo a dura prova le relazioni familiari e soprattutto i rapporti di coppia, dando una spallata a quelle che erano in crisi già da prima dell’inizio della pandemia o mettendo a nudo le problematiche relazionali latenti. Se si arrivasse ora alla consapevolezza dell’irrimediabilità della crisi e dell’insostenibilità della convivenza, il consiglio è di rivolgersi ad un avvocato che sia esperto della materia, che abbia una formazione interdisciplinare, che sappia negoziare per concludere un accordo soddisfacente nellinteresse, soprattutto, dei figli minori coinvolti, i più esposti alle conseguenze negative di una separazione conflittuale dei loro genitori, che siano sposati o no.

Gli avvocati non hanno tutti la medesima formazione o esperienza, bisogna cercare quello giusto. E nel frattempo che fare? Occorre riflettere sul fatto che litigare aspramente davanti ai figli, offendersi, o ancora peggio, usare la violenza , verbale e fisica, per “avere ragione”, trasmette loro un modello distorto di amore, li educa a ripetere gli stessi comportamenti, ad assimilare un modo sbagliato di agire, a cercare in futuro l’infelicità nel rapporto amoroso, da vittima o da carnefice. Li costringe, nei casi più gravi, a subire la violenza assistita, della quale porteranno i segni per sempre. Alcuni genitori faranno finta di niente, sperando che, tornando alla normalità della giornata lavorativa passata fuori casa, limitando i contatti con il partner al minimo, le situazioni si risolvano da sole. Magari consolandosi  per qualche ora tra le braccia di un altro/a, per sopportare di ritornare la sera nellinfelicità di casa propria. Tutto questo non preserva i figli dalla sofferenza di vivere in un contesto , quando va bene, di non amore.

Esistono professionisti della crisi di coppia, psicologi specializzati in percorsi che aiutano a far emergere le reali problematiche, nascoste dietro ai comportamenti sbagliati ed anche, in qualche caso, a risolverle. Soprattutto quando il rapporto è di lunga durata e ci sono figli, la famiglia è un “patrimonio “ da salvaguardare e quindi il consiglio è di provarci, prima di decidere per la separazione . 
Siamo fatti per essere felici, non per soffrire... anche se

 ” 𝐿𝑎 𝑓𝑒𝑙𝑖𝑐𝑖𝑡𝑎̀ 𝑛𝑜𝑛 𝑑𝑖𝑝𝑒𝑛𝑑𝑒 𝑑𝑎𝑔𝑙𝑖 𝑎𝑣𝑣𝑒𝑛𝑖𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑒𝑠𝑡𝑒𝑟𝑛𝑖, 𝑚𝑎 𝑑𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑚𝑎𝑛𝑖𝑒𝑟𝑎 𝑖𝑛 𝑐𝑢𝑖 𝑙𝑖 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑖𝑑𝑒𝑟𝑖𝑎𝑚𝑜: 𝑢𝑛 𝑢𝑜𝑚𝑜 𝑎𝑏𝑖𝑡𝑢𝑎𝑡𝑜 𝑎 𝑠𝑜𝑝𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑖𝑙 𝑑𝑜𝑙𝑜𝑟𝑒, 𝑛𝑜𝑛 𝑝𝑢𝑜̀ 𝑛𝑜𝑛 𝑒𝑠𝑠𝑒𝑟𝑒 𝑓𝑒𝑙𝑖𝑐𝑒” diceva Lev Tolstoj.

Per molti il “Basta, ci separiamo! “ però, purtroppo, diventa : “ Domani vado dallavvocato e vedrai”. Una vera e propria dichiarazione di guerra e allora ... “Voglio il più cattivo, il più spietato, per fargliela pagare, perché mi ha fatto soffrire”. “Faro’ solo quello che deciderà  il giudice e se non mi sta bene, farò ricorso”. Cause su cause e nel mezzo, tanta sofferenza, degli adulti e soprattutto dei bambini. Il conflitto si evolve, diventa giudiziario, coinvolge le famiglie di origine, entrano in campo assistenti sociali, CTU, CTP e chi ne ha, più ne metta. Senza scampo, anni e anni e soldi, tanti soldi per le spese legali. Dunque ci sono modi e modi di separarsi, ma si può scegliere. Pensateci bene. Ve lo dice un avvocato #studiolegalecenerig

Commenta su Facebook 𝗦𝗲𝗽𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶...

Io ho presentato la domanda di separazione a dicembre 2019 e sto ancora aspettando la sentenza in tribunale di separazione.

Дуракам закон НЕ ПИСАН, ИМ БЫ ЖРАТЬ И СПАТЬ

Finalmente ...torniamo a vivere ..molteplici relazioni ...

Ma bastaaa

𝗜𝗻 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗶𝗼𝗱𝗼 𝗱𝗶 𝘀𝗲𝗽𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘀𝗼𝗰𝗶𝗮𝗹𝗲 𝗹𝗼 𝗦𝘁𝘂𝗱𝗶𝗼 𝗟𝗲𝗴𝗮𝗹𝗲 ⚖️ 𝗻𝗼𝗻 𝗲̀ 𝗰𝗵𝗶𝘂𝘀𝗼, 𝘀𝗲𝗺𝗽𝗹𝗶𝗰𝗲𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗺𝗼𝗱𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝘂𝗻 𝗽𝗼’ 𝗱𝗶𝗳𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗱𝗮 𝗾𝘂𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗰𝗼𝗻𝘀𝘂𝗲𝘁𝗲.

𝗩𝗶 𝗱𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗮𝗹𝗰𝘂𝗻𝗲 𝗶𝗻𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗶𝗻 𝗺𝗲𝗿𝗶𝘁𝗼 𝘀𝗼𝘁𝘁𝗼 𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮 𝗱𝗶 𝗙𝗮𝗾

- 𝘾𝙤𝙢𝙚 𝙥𝙤𝙨𝙨𝙤 𝙘𝙤𝙣𝙩𝙖𝙩𝙩𝙖𝙧𝙚 𝙡𝙤 𝙎𝙩𝙪𝙙𝙞𝙤?
✅ Via mail : info@gabriellaceneri.it ⌨️🖨
✅ via telefono: al cellulare 3939921112 (anche whatsapp) 📱,
✅ via messenger verso questa pagina Fb @studiolegaleavvocatogabriellaceneri

Tutte le conversazioni ed i messaggi eventualmente scambiati sono coperti da riservatezza.

- 𝙋𝙤𝙨𝙨𝙤 𝙧𝙞𝙘𝙝𝙞𝙚𝙙𝙚𝙧𝙚 𝙪𝙣𝙖 𝙘𝙤𝙣𝙨𝙪𝙡𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙘𝙤𝙣 𝙡’𝙖𝙫𝙫.𝘾𝙚𝙣𝙚𝙧𝙞 𝙞𝙣 𝙦𝙪𝙚𝙨𝙩𝙤 𝙥𝙚𝙧𝙞𝙤𝙙𝙤?
Certamente. Bisogna richiederla e fissare un appuntamento, proprio come prima di accedere allo #Studio.

📌Verra’ inviato all’indirizzo mail o pec, da voi utilizzato, 💻🖥📱un modulo, ai sensi del G.D.P.R. n. 679/2016 , di informativa sul trattamento dei dati e per acquisire il vostro consenso, che dovrà essere restituito, stesso mezzo, debitamente firmato 🖨e accompagnato dalla copia del documento di identità dell’interessato, se soggetto privato o del legale rappresentante, se azienda.
📌Modulo e documento dovranno essere scansionati ed inviati allo #studio via mail o via whatsapp.
📌 La consulenza in #videoconferenza costa 💶50,00 euro ( cinquanta ), l’importo dovrà essere previamente versato tramite bonifico, all’IBAN che verrà comunicato.
📌Al ricevimento della somma verrà emessa fattura elettronica.

- 𝙋𝙚𝙧𝙘𝙝𝙚́ 𝙙𝙚𝙗𝙗𝙤 𝙛𝙤𝙧𝙣𝙞𝙧𝙚 𝙞𝙡 𝙙𝙤𝙘𝙪𝙢𝙚𝙣𝙩𝙤 𝙙𝙞 𝙞𝙙𝙚𝙣𝙩𝙞𝙩𝙖̀ ?
Perché l’avvocato ha l’onere di identificare il cliente, per tutte le conseguenze che derivano, anche per verificare l’eventuale conflitto di interessi nel rendere la #consulenza o assumere un incarico. Anche per il futuro. Ci sono norme deontologiche da rispettare.

- 𝙋𝙤𝙨𝙨𝙤 𝙘𝙤𝙣𝙛𝙚𝙧𝙞𝙧𝙚 𝙪𝙣 𝙢𝙖𝙣𝙙𝙖𝙩𝙤 𝙥𝙧𝙤𝙛𝙚𝙨𝙨𝙞𝙤𝙣𝙖𝙡𝙚 𝙤 𝙪𝙣𝙖 𝙥𝙧𝙤𝙘𝙪𝙧𝙖 𝙖𝙡𝙡𝙚 𝙡𝙞𝙩𝙞 𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙖𝙘𝙘𝙚𝙙𝙚𝙧𝙚 𝙛𝙞𝙨𝙞𝙘𝙖𝙢𝙚𝙣𝙩𝙚 𝙖𝙡𝙡𝙤 𝙎𝙩𝙪𝙙𝙞𝙤?
La risposta è affermativa. Il modulo del mandato professionale o della #procura alla liti sarà trasmesso al cliente via mail/pec e dovrà essere restituito stesso mezzo all’avv.Ceneri , accompagnato da copia di documento di identità. Al momento della sottoscrizione il cliente sarà in videochiamata con l’avv.Ceneri, che verificherà la firma, dovendo poi autenticarla in caso di conferimento di procura alle liti, nel procedimento civile o di nomina difensiva , nel procedimento penale. L’incarico sarà assunto previa accettazione del preventivo, che sarà trasmesso via mail/ pec e restituito all’avvocato stesso mezzo , debitamente sottoscritto. La modalità di rilascio di procura in via informatica all’avvocato è peraltro in via di normazione nella legge di conversione del D.L.18/2020" .

-𝙎𝙚 𝙞 𝙏𝙧𝙞𝙗𝙪𝙣𝙖𝙡𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙘𝙝𝙞𝙪𝙨𝙞 𝙘𝙝𝙚 𝙫𝙖𝙣𝙩𝙖𝙜𝙜𝙞𝙤 𝙝𝙤 𝙖 𝙘𝙤𝙣𝙩𝙖𝙩𝙩𝙖𝙧𝙚 𝙪𝙣 𝙖𝙫𝙫𝙤𝙘𝙖𝙩𝙤 𝙞𝙣 𝙦𝙪𝙚𝙨𝙩𝙤 𝙥𝙚𝙧𝙞𝙤𝙙𝙤?
I #Tribunali non sono chiusi in questo periodo, ma le #udienze che riguardano affari non urgenti ( civili e penali) vengono rinviate, è un po’ come accade nel mese di agosto. I termini processuali ed endoprocessuali per le cause pendenti, per quelle da iscrivere, per le opposizioni, per i procedimenti amministrativi etc, sono sospesi fino al 11 maggio.
Anche le cancellerie, civili, penali e della Procura della Repubblica osservano regole che consentono agli avvocati di avere informazioni urgenti e documenti a distanza. Contattare l’avvocato in questo periodo consente di anticipare lo studio della pratica, con colloqui telefonici e esame dei documenti. L’avvocato puo’ predisporre le attività difensive più adeguate, come una corrispondenza, una diffida, un’istanza , una richiesta di accesso agli atti etc...e persino l’atto introduttivo o una memoria difensiva in una causa, se urgente, verranno esaminati dal Giudice , anche in questo periodo, con fissazione di #udienza e trattazione in modalità da remoto, ( in videoconferenza) per i Tribunali che si sono attrezzati.
N.B. Se avete domande ❓o chiarimenti ⁉️, che possano essere di interesse generale, potete commentare questo post e riceverete risposta, altrimenti potete contattare lo Studio in privato. Se la richiesta ha mero carattere informativo la risposta sarà data gratuitamente, altrimenti vi verrà proposto di accedere alla consulenza personalizzata.
Grazie per l’attenzione e rimanete in casa. #iorestoacasa 💪🍀🌈🕊
Con gli auguri di trascorrere una Serena Pasqua, secondo il vostro credo, religioso o laico e ovunque vi troviate. #studiolegalecenerig
... Leggi di piùLeggi di meno

𝗜𝗻 𝗾𝘂𝗲𝘀𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿𝗶𝗼𝗱𝗼 𝗱𝗶 𝘀𝗲𝗽𝗮𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝘀𝗼𝗰𝗶𝗮𝗹𝗲 𝗹𝗼 𝗦𝘁𝘂𝗱𝗶𝗼 𝗟𝗲𝗴𝗮𝗹𝗲 ⚖️ 𝗻𝗼𝗻 𝗲̀ 𝗰𝗵𝗶𝘂𝘀𝗼, 𝘀𝗲𝗺𝗽𝗹𝗶𝗰𝗲𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗹𝗮𝘃𝗼𝗿𝗮 𝗰𝗼𝗻 𝗺𝗼𝗱𝗮𝗹𝗶𝘁𝗮̀ 𝘂𝗻 𝗽𝗼’ 𝗱𝗶𝗳𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗱𝗮 𝗾𝘂𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗰𝗼𝗻𝘀𝘂𝗲𝘁𝗲.

𝗩𝗶 𝗱𝗶𝗮𝗺𝗼 𝗮𝗹𝗰𝘂𝗻𝗲 𝗶𝗻𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗶𝗻 𝗺𝗲𝗿𝗶𝘁𝗼 𝘀𝗼𝘁𝘁𝗼 𝗳𝗼𝗿𝗺𝗮 𝗱𝗶 𝗙𝗮𝗾

- 𝘾𝙤𝙢𝙚 𝙥𝙤𝙨𝙨𝙤 𝙘𝙤𝙣𝙩𝙖𝙩𝙩𝙖𝙧𝙚 𝙡𝙤 𝙎𝙩𝙪𝙙𝙞𝙤?
✅ Via mail : info@gabriellaceneri.it ⌨️🖨
✅ via telefono: al cellulare 3939921112 (anche whatsapp) 📱, 
✅ via messenger verso questa pagina Fb @studiolegaleavvocatogabriellaceneri

Tutte le conversazioni ed i messaggi eventualmente scambiati sono coperti da riservatezza.

- 𝙋𝙤𝙨𝙨𝙤 𝙧𝙞𝙘𝙝𝙞𝙚𝙙𝙚𝙧𝙚 𝙪𝙣𝙖 𝙘𝙤𝙣𝙨𝙪𝙡𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙘𝙤𝙣 𝙡’𝙖𝙫𝙫.𝘾𝙚𝙣𝙚𝙧𝙞 𝙞𝙣 𝙦𝙪𝙚𝙨𝙩𝙤 𝙥𝙚𝙧𝙞𝙤𝙙𝙤?
Certamente. Bisogna richiederla e fissare un appuntamento, proprio come prima di accedere allo #Studio. 

📌Verra’ inviato all’indirizzo mail o pec, da voi utilizzato, 💻🖥📱un modulo, ai sensi del G.D.P.R. n. 679/2016 , di informativa sul trattamento dei dati e per acquisire il vostro consenso, che dovrà essere restituito, stesso mezzo, debitamente firmato 🖨e accompagnato dalla copia del documento di identità dell’interessato, se soggetto privato o del legale rappresentante, se azienda.
📌Modulo e documento dovranno essere scansionati ed inviati allo #studio via mail o via whatsapp.
📌 La consulenza in #videoconferenza costa 💶50,00 euro ( cinquanta ), l’importo dovrà essere previamente versato tramite bonifico, all’IBAN che verrà comunicato. 
📌Al ricevimento della somma verrà emessa fattura elettronica.

- 𝙋𝙚𝙧𝙘𝙝𝙚́ 𝙙𝙚𝙗𝙗𝙤 𝙛𝙤𝙧𝙣𝙞𝙧𝙚 𝙞𝙡 𝙙𝙤𝙘𝙪𝙢𝙚𝙣𝙩𝙤 𝙙𝙞 𝙞𝙙𝙚𝙣𝙩𝙞𝙩𝙖̀ ?
Perché l’avvocato ha l’onere di identificare il cliente, per tutte le conseguenze che derivano, anche per verificare l’eventuale conflitto di interessi nel rendere la #consulenza o assumere un incarico. Anche per il futuro. Ci sono norme deontologiche da rispettare.

- 𝙋𝙤𝙨𝙨𝙤 𝙘𝙤𝙣𝙛𝙚𝙧𝙞𝙧𝙚 𝙪𝙣 𝙢𝙖𝙣𝙙𝙖𝙩𝙤 𝙥𝙧𝙤𝙛𝙚𝙨𝙨𝙞𝙤𝙣𝙖𝙡𝙚 𝙤 𝙪𝙣𝙖 𝙥𝙧𝙤𝙘𝙪𝙧𝙖 𝙖𝙡𝙡𝙚 𝙡𝙞𝙩𝙞 𝙨𝙚𝙣𝙯𝙖 𝙖𝙘𝙘𝙚𝙙𝙚𝙧𝙚 𝙛𝙞𝙨𝙞𝙘𝙖𝙢𝙚𝙣𝙩𝙚 𝙖𝙡𝙡𝙤 𝙎𝙩𝙪𝙙𝙞𝙤?
La risposta è affermativa. Il modulo del mandato professionale o della #procura alla liti sarà trasmesso al cliente via mail/pec e dovrà essere restituito stesso mezzo all’avv.Ceneri , accompagnato da copia di documento di identità. Al momento della sottoscrizione il cliente sarà in videochiamata con l’avv.Ceneri, che verificherà la firma, dovendo poi autenticarla in caso di conferimento di procura alle liti, nel procedimento civile o di nomina difensiva , nel procedimento penale. L’incarico sarà assunto previa accettazione del preventivo, che sarà trasmesso via mail/ pec e restituito all’avvocato stesso mezzo , debitamente sottoscritto. La modalità di rilascio di procura in via informatica all’avvocato è peraltro in via di normazione nella legge di conversione del D.L.18/2020 .

-𝙎𝙚 𝙞 𝙏𝙧𝙞𝙗𝙪𝙣𝙖𝙡𝙞 𝙨𝙤𝙣𝙤 𝙘𝙝𝙞𝙪𝙨𝙞 𝙘𝙝𝙚 𝙫𝙖𝙣𝙩𝙖𝙜𝙜𝙞𝙤 𝙝𝙤 𝙖 𝙘𝙤𝙣𝙩𝙖𝙩𝙩𝙖𝙧𝙚 𝙪𝙣 𝙖𝙫𝙫𝙤𝙘𝙖𝙩𝙤 𝙞𝙣 𝙦𝙪𝙚𝙨𝙩𝙤 𝙥𝙚𝙧𝙞𝙤𝙙𝙤?
I #Tribunali non sono chiusi in questo periodo, ma le #udienze che riguardano affari non urgenti ( civili e penali) vengono rinviate, è un po’ come accade nel mese di agosto. I termini processuali ed endoprocessuali per le cause pendenti, per quelle da iscrivere, per le opposizioni, per i procedimenti amministrativi etc, sono sospesi fino al 11 maggio.
Anche le cancellerie, civili, penali e della Procura della Repubblica osservano regole che consentono agli avvocati di avere informazioni urgenti e documenti a distanza. Contattare l’avvocato in questo periodo consente di anticipare lo studio della pratica, con colloqui telefonici e esame dei documenti. L’avvocato puo’ predisporre le attività difensive più adeguate, come una corrispondenza, una diffida, un’istanza , una richiesta di accesso agli atti etc...e persino l’atto introduttivo o una memoria difensiva in una causa, se urgente, verranno esaminati dal Giudice , anche in questo periodo, con fissazione di #udienza e trattazione in modalità da remoto, ( in videoconferenza) per i Tribunali che si sono attrezzati.
N.B. Se avete domande ❓o chiarimenti ⁉️, che possano essere di interesse generale, potete commentare questo post e riceverete risposta, altrimenti potete contattare lo Studio in privato. Se la richiesta ha mero carattere informativo la risposta sarà data gratuitamente, altrimenti vi verrà proposto di accedere alla consulenza personalizzata.
Grazie per l’attenzione e rimanete in casa. #iorestoacasa 💪🍀🌈🕊
Con gli auguri di trascorrere una Serena Pasqua, secondo il vostro credo, religioso o laico e ovunque vi troviate. #studiolegalecenerig
Carica altro

Contatti

(+39) 0735.78.17.16

Uffico

(+39) 393.99.21.112

Cellulare

Via del Correggio 22

San Benedetto del Tronto (AP)

gabriellaceneri@hotmail.com

eMail

info@gabriellaceneri.it

eMail

Richiedi un appuntamento

10 + 5 =

 

Contatti

(+39) 0735.78.17.16

Uffico

gabriellaceneri@hotmail.com

eMail

(+39) 393.99.21.112

Cellulare

Via del Correggio 22

San Benedetto del Tronto (AP)

info@gabriellaceneri.it

eMail

Richiedi un appuntamento

12 + 2 =

Call Now Button