Via del Correggio 22

63074-San Benedetto Del Tronto (AP)

Lun-Ven 9:30 - 13:00 , 16:30 - 19:30

Sabato:CHIUSO , Domenica:CHIUSO

News

Comments Box SVG iconsUsed for the like, share, comment, and reaction icons

𝗜𝗹 𝗖𝗼𝗱𝗶𝗰𝗲 𝗿𝗼𝘀𝘀𝗼 𝘃𝗶𝗲𝗻𝗲 𝗶𝗻 𝗮𝗶𝘂𝘁𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝘃𝗶𝘁𝘁𝗶𝗺𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗿𝗲𝗮𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗺𝗮𝗹𝘁𝗿𝗮𝘁𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗶𝗻 𝗳𝗮𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗮 𝗮𝗱 𝗼𝗽𝗲𝗿𝗮 𝗱𝗶 𝗰𝗼𝗻𝘃𝗶𝘃𝗲𝗻𝘁𝗶 𝘁𝗼𝘀𝘀𝗶𝗰𝗼𝗱𝗶𝗽𝗲𝗻𝗱𝗲𝗻𝘁𝗶.

Mentre le notizie su contagi, vaccinazioni e green pass catturano la nostra attenzione, alcune, troppe famiglie continuano a combattere la loro battaglia quotidiana contro la droga, che si è impadronita dell'esistenza di un loro caro, fino a trasformarla nella costante ricerca di denaro per procurarsi la sostanza.
Sono genitori distrutti da vessazioni quotidiane e sottoposti a maltrattamenti, violenze fisiche e ricatti , quelli che, disperati, si rivolgono ad un avvocato per cercare aiuto. Questo accade, spesso, dopo aver verificato i limiti di un sistema socio sanitario che funziona solo se il tossicodipendente maggiorenne presta il consenso alle cure proposte e se affronta fino in fondo il percorso comunitario di disintossicazione e riabilitazione. Si arriva così a sporgere denuncia / querela contro il proprio figlio tossicodipendente per i reati che sta commettendo o ha commesso e a sperare che l'esperienza carceraria che egli affronterà, prevista in questi casi anche a titolo di misura a cautelare, lo aiuti a prendere finalmente la decisione di curarsi.
La legge 69/2019, comunemente detta codice rosso, è un nuovo strumento in grado di aiutare questi genitori, in quanto prevede che vengano adottati celermente provvedimenti di protezione delle vittime anche per il reato di maltrattamenti in famiglia ( oltre che per lo stalking o violenza sessuale ). Ovviamente nella flagranza del reato si procede all'arresto, negli altri casi la polizia giudiziaria, una volta acquisita la notizia di reato e ricevuta la denuncia, deve riferire immediatamente al pubblico ministero, anche in forma orale e il pubblico ministero deve assumere informazioni dalla persona offesa o da chi ha denunciato i fatti di reato entro tre giorni dall'iscrizione della notizia di reato, monitorando così la situazione, tramite la P.G.
La parte offesa , anche tramite l'avvocato, può chiedere l'applicazione delle misure cautelari previste, tra le quali c'è l'allontanamento dalla casa familiare del tossicodipendente violento e il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, la cui osservanza viene monitorata anche applicandogli dispositivi , quali il braccialetto elettronico. La violazione di tale misura costituisce un autonomo reato, che prevede la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni in carcere.
Per il reato di maltrattamenti in famiglia è prevista la pena della reclusione da un minimo di 3 a un massimo di 7 anni e si può presentare denuncia querela nel termine di 12 mesi dai fatti. La reclusione in carcere in esecuzione della pena definitiva , ma anche l'arresto in sede di misura cautelare, possono essere tramutati in arresti domiciliari in un luogo di cura, nello specifico una comunità dalla quale il tossicodipendente non potrà allontanarsi per la durata della pena.

#studiolegalecenerig
... Leggi di piùLeggi di meno

𝗜𝗹 𝗖𝗼𝗱𝗶𝗰𝗲 𝗿𝗼𝘀𝘀𝗼 𝘃𝗶𝗲𝗻𝗲 𝗶𝗻 𝗮𝗶𝘂𝘁𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝘃𝗶𝘁𝘁𝗶𝗺𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗿𝗲𝗮𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗺𝗮𝗹𝘁𝗿𝗮𝘁𝘁𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗶𝗻 𝗳𝗮𝗺𝗶𝗴𝗹𝗶𝗮 𝗮𝗱 𝗼𝗽𝗲𝗿𝗮 𝗱𝗶 𝗰𝗼𝗻𝘃𝗶𝘃𝗲𝗻𝘁𝗶 𝘁𝗼𝘀𝘀𝗶𝗰𝗼𝗱𝗶𝗽𝗲𝗻𝗱𝗲𝗻𝘁𝗶.

Mentre le notizie su contagi, vaccinazioni e green pass catturano la nostra attenzione, alcune, troppe famiglie continuano a combattere la loro battaglia quotidiana contro la droga, che si è impadronita dellesistenza di un loro caro, fino a trasformarla nella costante ricerca di denaro per procurarsi la sostanza. 
Sono genitori distrutti da vessazioni quotidiane e sottoposti a maltrattamenti, violenze fisiche e ricatti , quelli che, disperati, si rivolgono ad un avvocato per cercare aiuto. Questo accade, spesso, dopo aver verificato i limiti di un sistema socio sanitario che funziona solo se il tossicodipendente maggiorenne presta il consenso alle cure proposte e se affronta fino in fondo il percorso comunitario di disintossicazione e riabilitazione. Si arriva così a sporgere denuncia / querela contro il proprio figlio tossicodipendente per i reati che sta commettendo o ha commesso e a sperare che lesperienza carceraria che egli affronterà, prevista in questi casi anche a titolo di misura a cautelare, lo aiuti a prendere finalmente la decisione di curarsi. 
La legge 69/2019, comunemente detta codice rosso, è un nuovo strumento in grado di aiutare questi genitori, in quanto prevede che vengano adottati celermente provvedimenti di protezione delle vittime anche per il reato di maltrattamenti in famiglia ( oltre che per lo stalking o violenza sessuale ). Ovviamente nella flagranza del reato si procede allarresto, negli altri casi la polizia giudiziaria, una volta acquisita la notizia di reato e ricevuta la denuncia, deve riferire immediatamente al pubblico ministero, anche in forma orale e il pubblico ministero deve assumere informazioni dalla persona offesa o da chi ha denunciato i fatti di reato entro tre giorni dalliscrizione della notizia di reato, monitorando così la situazione, tramite la P.G. 
La parte offesa , anche tramite lavvocato, può chiedere lapplicazione delle misure cautelari previste, tra le quali cè lallontanamento dalla casa familiare del tossicodipendente violento e il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, la cui osservanza viene monitorata anche applicandogli dispositivi , quali il braccialetto elettronico. La violazione di tale misura costituisce un autonomo reato, che prevede la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni in carcere. 
Per il reato di maltrattamenti in famiglia è prevista la pena della reclusione da un minimo di 3 a un massimo di 7 anni e si può presentare denuncia querela nel termine di 12 mesi dai fatti. La reclusione in carcere in esecuzione della pena definitiva , ma anche larresto in sede di misura cautelare, possono essere tramutati in arresti domiciliari in un luogo di cura, nello specifico una comunità dalla quale il tossicodipendente non potrà allontanarsi per la durata della pena.

#studiolegalecenerig

Commenta su Facebook

Che brutta società e povere fam ..😢

Rita Vitaioli anziani e bambini sono i soggetti socialmente più deboli, che dovrebbero essere più protetti dai rischi che corrono per la loro condizione di fragilità, anche nel contesto domestico. Ma è proprio lì che è più difficile tutelarli

Oggi 2 donne sono state uccise dai loro compagni ,leggi più severe .

Sia maledetto chi maltratta gli anziani.....

Ma quanto siete stronzi,👹👹👹👹👹

Nu svoie sa nati femeia

Ma quando mai?

View more comments

Carica altro

Contatti

(+39) 0735.78.17.16

Uffico

(+39) 393.99.21.112

Cellulare

Via del Correggio 22

San Benedetto del Tronto (AP)

gabriellaceneri@hotmail.com

eMail

info@gabriellaceneri.it

eMail

Richiedi un appuntamento

5 + 9 =

 

Contatti

(+39) 0735.78.17.16

Uffico

gabriellaceneri@hotmail.com

eMail

(+39) 393.99.21.112

Cellulare

Via del Correggio 22

San Benedetto del Tronto (AP)

info@gabriellaceneri.it

eMail

Richiedi un appuntamento

15 + 2 =

Call Now Button